domenica 21 ottobre 2012

La Petite Turra 2529 m.

Affascinante montagna a ridosso del valico del Moncenisio, la Petite Turra deve proprio alla sua posizione il fatto di essere stata oggetto di attenzioni da parte dei militari tra la fine del secolo XIX e l'inizio del secolo XX; in quegli anni fu infatti edificata sulla parte sommitale un'imponente fortificazione, i cui resti sono accessibili ancora oggi. La vetta presenta due punti culminanti, entrambi compresi all'interno del forte: la cima Nord tocca quota 2507 m., mentre la cima Sud arriva a 2529 m. Proprio in prossimità di quest'ultima è posizionata ciò che resta di quella che fu una postazione di guardia, aggrappata alla montagna, in bilico sul dirupato versante della montagna che si affaccia sulla strada che unisce Lanslebourg a Susa. Il forte fu edificato dai francesi, assai suggestivo il portone di ingresso, con tanto di fossato, interessanti sono anche le mura, le guardiole, le postazioni per le mitragliatrici, i tunnel dove erano posizionati i cannoni. La costruzione militare fu poi bombardata dagli stessi francesi, quando venne occupata da militari italiani e tedeschi durante il secondo conflitto mondiale. Poco prima di raggiungere la vetta, in prossimità del colle della Petite Turra, è possibile visitare con una breve deviazione ciò che resta della stazione di arrivo di una teleferica. Interessantissimo il panorama che si gode dalla vetta; spettacolari sono soprattutto i ghiacciai della Vanoise, in particolare il vasto ripiano del Glacier de l'Arpont, con il Dòme de l'Arpont (3599 m.) e il Dòme de Chasseforèt (3586 m.). Scenografici scorci si aprono sulla valle dell'Arc e sulle cime dell'Haute Maurienne, spunta quasi inaspettato il Gran Paradiso. Nella direzione opposta, verso la valle di Susa, l'elemento centrale è il vastissimo lago del Moncenisio, sullo sfondo il Rocciamelone e la più vicina punta del Lamet, che tocca quota 3504 m.







Partenza: località Ramasse (2020 m. circa)
Arrivo: Petite Turra 2529 m.
Dislivello:
530 m.
Difficoltà: E
Tempo di salita: ore 1:30
Bibliografia: Cime per tutti di Claudio Trova
Cartografia: IGC n.2,1:50.000 valli di Lanzo e Moncenisio
Accesso stradale: autostrada A32 Torino-Bardonecchia, uscita a Susa, quindi SS25 del Moncenisio, appena oltrepassato il lago e prima di iniziare la discesa su Lanslebourg si trova sulla sinistra il parcheggio e il cartello descrittivo.
Descrizione: Parcheggiata l'autosi inizia a salire lungo i pascoli (indicazioni: sentiero della pace, marcato con tacche bianche e stella azzurra, si sale in direzione del forte, ben visibile dal basso e durante tutta la salita. Nella parte iniziale del tragitto si attraversa la valletta dirigendosi ad ovest tra i pascoli, e cominciando a salire in diagonale verso nord-ovest, seguendo il percorso di una vecchia mulattiera. Il sentiero sale prima con comode svolte e poi a mezzacosta, giungendo con un tratto più ripido dove si trovano 2 tratti cablati che possono aiutare in caso di pioggia o terreno scivoloso.Si arriva così al colle della Petite Turra. Da qui (cartelli indicatori) si continua verso destra e si raggiunge il forte della Turra, a sinistra invece si raggiungono i ruderi dell'arrivo della teleferica.

Discesa: ripercorrendo l'identico percorso di salita.
 
 

Nessun commento:

Posta un commento