lunedì 21 settembre 2015

Rifugi Amprimo 1385 m. Toesca 1700 m.

I due rifugi si trovano in bella posizione panoramica ne l Vallone del Rio Gerardo, una vallata laterale della media Valle di Susa che si apre sulla destra orografica all'altezza di Bussoleno.
Il rifugio Amprimo sorge a 1385 metri al margine meridionale dell'ampio e ridente Pian Cervetto, all'imbocco del vallone. Il rifugio Toesca si trova più avanti, entro il vallone, su un ripiano erboso con un caratteristico grosso masso erratico, per questo detto Pian del Roc, a 1700 metri.
L'itinerario con partenza da Travers a Mont 1285 metri è percorribile comodamente con i segnavia 510 e 513 in tre quarti d'ora fino al rifugio Amprimo e con altri 50 minuti fino al rifugio Toesca, con un dislivello complessivo di poco più 400 metri.










Località di partenza: Travers a Mont 1285 m. 
Arrivo: Rifugio Toesca 1700 m.
Dislivello: 415 m.
Tempo complessivo: 1:45 ore
Difficoltà: E
Bibliografia: Guida alle passeggiate sulle Alpi di A. Giorgetta
Cartografia: IGC: n.1 1:50.000 Valli di Susa Chisone e Germanasca
Accesso stradale: da Torino con la S.S. n.25 si raggiunge la località di Borgone, portandosi successivamente a San Giorio. Da qui a sinistra si sale verso Città e poi fino ad Airassa, da dove si segue a destra una strada a tratti sterrata (indicazioni) che in due chilometri porta a Travers a Mont, dove si lascia l'auto.



















Descrizione: dal parcheggio, si imbocca un sentiero in leggera discesa (segnavia 510) che in breve porta ad uno chalet ristoro presso due graziosi laghetti (paradiso delle rane). Prosegue quindi in dolce pendio attraverso un bel bosco di faggi e si porta ad un gruppo di baite. Sale ancora brevemente per poi addentrarsi pianeggiante tra macchie di larici nel vallone fino a Pian Cervetto, dove si trova il Rifugio Amprimo. Da qui, subito a sinistra del rifugio presso un pilone votivo, un sentiero si dirige verso sud attraverso macchie di radi larici sulla sinistra di un valloncello; si porta quindi sul fianco opposto e in piano esce in un'ampia radura di pascoli dove si trovano le baite dell'Alpe Balmetta inferiore a 1515 metri. 100 metri prima delle baite (vendita di ottimo formaggio) si traversano i prati sulla sinistra, al termine dei quali si inizia a salire nel bosco con alcune svolte portandosi in un'altra spianata erbosa. Si poggia a sinistra per attraversare il torrente e si sale ancora nel bosco portandosi al Pian del Roc, presso il rifugio. Si rientra per il medesimo percorso.
 

lunedì 7 settembre 2015

Rifugio Barbustel 2200 m.

Percorso classico e molto frequentato della valle di Champorcher, sia per la grande bellezza dei paesaggi, sia per la facilità del percorso. Da poco è aperto anche nei fine settimana invernali il bar ristoro Muffè, nei pressi dell'omonimo lago.
Località di partenza: parcheggio a 1690 m. sulla strada per Dondena 
Arrivo: Rifugio Barbustel 2200 m.
Dislivello: 619 m. al Colle del Lago Bianco, poi si perdono 100 m. per scendere al rifugio
Tempo complessivo: 2:15 ore
Difficoltà: E
Cartografia: IGC 1:50.000 n.9 Ivrea-Biella e bassa Valle d'Aosta
Accesso stradale: dall'autostrada A5 del Monte Bianco, si esce a Pont-Saint-Martin e si svolta a sinistra in direzione  valle di Champoncher, si passa il paese di Donnas e poi quello di Bard con il suo meraviglioso forte. Alla successiva rotonda si va a sinistra attraversando il ponte sulla Dora Baltea proseguendo per il paese di Hòne. Si continua risalendo tutta la valle e dopo circa 14 km. si arriva a Champoncher, alla frazione successiva Château, si va a destra seguendo le indicazioni per Dondena, Lago del Miserin. Si prosegue ancore fino a superare l'abitato di Petit Mont Blanc, e poco dopo (prima che la strada diventi sterrata) si trova parcheggio sulla sinistra, e a destra le indicazioni con la partenza dei sentieri. Il n.10 per il rifugio Barbustel.
Descrizione: Intercettato il sentiero n.10 si inizia a salire in direzione del rifugio Barbustel, passando in un bel bosco di larici e, dopo aver costeggiato un ruscello si svolta a sinistra dove poco dopo si trovano le indicazioni per il ristoro Muffè, si prosegue verso destra e poco più avanti si trova un curioso cancelletto in legno che precede di poco l'arrivo al lago Muffè e all'omonimo ristoro. Si lascia ora sulla destra il lago e si continua sempre sull'evidente e ben marcato sentiero fino a superare l'ultimo tratto un pochino più ripido che porta al Colle del Lago Bianco 2309 m. Ora non rimane che scendere sul versante opposto su un bel sentiero e iniziare a guardare sulla destra il meraviglioso panorama che si va componendo, Cervino e tutto il gruppo del Monte Rosa. In quindici minuti circa si raggiunge il rifugio situato in bella posizione e circodato da bellissimi laghetti.
Il ritorno avviene per il medesimo percorso.