domenica 31 agosto 2014

Giro delle Tre cime di Lavaredo



 Da sempre le Tre Cime di Lavaredo sono il simbolo dell’Alta Val Pusteria e delle Dolomiti, esse esercitano un certo fascino, e da sempre attirano alpinisti ed escursionisti da tutto il mondo. Le Dolomiti rappresentano un vero e proprio paradiso per gli alpinisti e gli escursionisti e amanti delle vie ferrate. Ma ci sono anche delle escursioni per semplici camminatori. Una di queste, piuttosto facile, ma tuttavia molto affascinnte è il Giro delle Tre Cime di Lavaredo. Il giro qui proposto non è dei più economici (24 euro per una vettura a salire al rifugio Auronzo), ma sicuramente il più comodo e veloce.
















Partenza: Parcheggio Val di Campo di Dentro 1288 m.
Arrivo: Rifugio Tre Scarperi m.1626
Dislivello: 338 m.
Difficoltà: E
Tempo per il giro completo: 3 ore  
Accesso stradale: Per la Valle di Landro e il lago di Misurina, o passando dal lago di Dobbiaco provenendo dalla Val Pusteria fino al rifugio Auronzo, dove parcheggiamo la nostra auto. 





















Descrizione: Punto di partenza per la nostra escursione è il posteggio al Rifugio Auronzo (2.320 m).
Iniziamo quindi il nostro cammino sul sentiero n° 105 che per intenderci, va verso ovest al lato opposto del rifugio Auronzo, consiglio questo percorso (in senso inverso a quello solito) onde evitare la lunga processione che porta prima al rifugio Lavaredo e poi al rifugio Locatelli. Il sentiero procede inizialmente in saliscendi sino ad arrivare in breve in un punto panoramicissimo con splendida vista sulle Tre Cime, per scendere poi sino in fondo al vallone, passando prima dal rifugio Langalm 2283 m. A questo punto per una lunga risalita si arriva al rifugio Locatelli 2405 m. A questo punto, dopo una meritata sosta ristoratrice, non rimane che incamminarsi sul sentiero n° 101 (impossibile sbagliare) e ci si dirige prima verso la Forcella Lavaredo 2454 m., per scendere poi al rifugio Lavaredo 2344 m., e successivamente al rifugio Auronzo e al posteggio.


Nessun commento:

Posta un commento