lunedì 24 maggio 2010

Argimonia - La plus facile

Non poteva mancare su "Verticale ma non troppo" una via di arrampicata così bella e facile.
Adatta ai principianti ed ai modesti arrampicatori come me. E' una via di sette lunghezze con tiri max di trenta metri e con difficoltà non superiori al 3° grado; una via fatta apposta per imparare a muovere i primi passi da capocordata e le relative manovre di corda, percorribile anche con scarponi da montagna (le scarpette non sono indispensabili) la via è ottimamente attrezzata a fix inox. Aperta nel 2006 dalla guida alpina Gianni Lanza, valutata come PD (segnata in rosso sulla foto). A fianco di questa via si trovano altri due percorsi (quello segnato in blu) "SK2" valutato AD- e (quello segnato in nero) "la Jella" valutato AD.

Accesso: Con l'autostrada Torino-Milano, uscendo a Carisio si prosegue in direzione Biella.
Da qui ci sono due possibilità, seguendo le indicazioni per la valle Cervo arrivati a Campiglia bisogna dirigersi verso la località sciistica di Bielmonte, dopodichè bisogna scendere un tratto di strada e subito dopo la prima galleria parcheggiare sulla destra ad un piccolo slargo.
La seconda alternativa è quella di seguire da Biella le indicazioni per la valle Mosso e poi Trivero. Da questa località si prende la "Panoramica Zegna" sempre in direzione Bielmonte, superata la prima galleria, si parcheggia nel medesimo slargo (questa volta a sinistra).
Nel caso vi fosse poco parcheggio si può oltrepassare la seconda galleria, trovando più spazio dove lasciare l'auto. Noi siamo saliti da Trivero e ridiscesi da Bielmonte e la consiglio per l'ottimo panorama.
Descrizione: Dallo slargo dove si lascia l'auto, attrversare la strada e reperire un sentiero con bolli rossi (assai sbiaditi) e comunque con l'aiuto di alcuni ometti di pietra ci si riesce a districarsi abbastaza agevolmente, anche perchè il percorso è abbastanza evidente. Bisogna puntare verso i paravalanghe e attraversare la pietraia per arrivare alla base della parete. Con il percorso giusto si arriva alla base della "SK2", bisogna allora aggirarla verso sinistra per raggiungere l'attacco della "Plus facile" a questo punto dovrebbero essere già evidenti gli spit. Calcolare una mezz'ora dall'auto. L'arrampicata si sussegue su placche e pilastrini su una specie di cresta con difficoltà mai superiori al 3° grado. In circa 1:30 - 2 ore (con tutta calma per gustare il paesaggio) si esce sulla cresta sommitale dove termina l'arrampicata. Salendo a destra volendo si può raggiungere la cima. Notevole il panorama su gruppo del Monte Rosa.

Discesa: Seguire il sentiero verso Bielmonte avendo come riferimento una cappelletta (ben visibile), giunti ad un colle con grande ripetitore scendere a sinistra su sentiero ed in 30 minuti si ritorna all'auto (passando all'interno della seconda galleria).

sabato 15 maggio 2010

lunedì 10 maggio 2010

Falesia di Anticaprie

Accesso: Raggiungere l'abitato di Caprie con la SS.25 oppure con l'autostrada del Frejus uscendo ad Almese. Arrivati al paese prendere una stradina che passa tra le villette di nuova costruzione (via Giardini) dove al fondo è anche possibile parcheggiare avendo cura di non intralciare i diritti dei residenti. Sulla sinistra (ben visibile la parete) si trova un pannello informativo sulla ferrata e sulle vie di arrampicata. Imboccare una stretta stradina che in pochi minuti conduce alla base della parete. Le vie più semplici si trovano alla sn. del settore.
Un po' di storia: Da sempre la parete di Anticaprie è il settore più frequentato dell'intero comprensorio, vuoi per la comodità di accesso, vuoi per la vicinanza alla città, ma anche per la qualità della roccia e la possibilità di arrampicare quasi tutto l'anno. La falesia nasce agli inizi degli anni '80 per merito di alcuni grandi alpinisti, tra i quali figura Giancarlo Grassi, che nel giro di pochi anni apre e chioda la maggior parte degli itinerari. Poi per un certo periodo la falesia sembra quasi abbandonata, finchè alcuni nuovi arrampicatori richiodano un po' per volta una ventina di monotiri. Oggi ci sono una quarantina di itinerari con tutte le varie difficoltà, la chiodatura è interamente a fittoni resinati con punti di sosta e di calata in loco. Bibliografia: www.altox.it
Annotazioni: Sono presenti cinque o sei vie (sempre riferite alla mia portata) con difficoltà di 4° - 5°+ e si trovano all'estremità di sinistra della parete. Noi abbiamo provato "placche integrali" data come 5°+ (alla base della parete) e "sintesi antica" di 4°+
una via di tre
lunghezze, a mio avviso divertente e con calate in corda doppia.