mercoledì 3 febbraio 2010

Madonna del Cotolivier m.2105

Accesso: Raggiunta Oulx con la SS.24 o l'autostrada del Frejus, portarsi in località La Beu (m.1186) lungo la strada del Cotolivier, da dove inizia il tratto innevato.
Cartografia: IGC Val di Susa - Val Chisone
Bibliografia: Fondo escursionismo in Piemonte di Ezio Sesia
Esposizione: Nord, poi Sud-Est
Difficoltà: MR
Dislivello:
m.919
Periodo migliore: Dicembre-Marzo

Caratteristiche: Ben nota agli sci-alpinisti che vi salgono normalmente da Chateau o da Beaulard, la chiesetta della Madonna del Cotolivier si può raggiungere anche con le racchette da neve o gli sci da fondo con un percorso lungo e dal rilevante dislivello, con qualche tratto ripido ma senza problemi di valanghe, molto interessante per l'ambiente e il panorama. Se si hanno minori velleità, come è capitato a noi si può limitare la gita alla borgata di Vazon (m.1650) dove da quest'inverno è aperto un rifugio privato "La Chardouse", oppure raggiungere la pittoresca frazione di Chateau Beaulard (m.1396) con percorso facile e pianeggiante esposto a Nord, o l'altra borgata di Soubras (m.1494) con esposizione a Est, lungo itinerari ugualmente piacevoli e suggestivi.

Descrizione: Da La Beau (m.1186) ci si innalza lungo la strada innevata, trovando ad un tornante il bivio per Chateau Beaulard (a dx). Si prosegue sulla sinistra per la strada (chi in possesso di sci) o tagliando dove possibile (chi in possesso di racchette) raggiungendo la borgata di Pierremenaud (m.1445), e poco dopo si lascia sulla sinistra la strada per Soubras, raggiungendo così le case di Vazon (m.1650) adagiate tra belle praterie. Si continua con numerose svolte con tratti ripidi, mentre il bosco si fà più rado, avvicinandosi al crestone che, scendendo dalla punta Clotesse divide l'alta Val di Susa dalla Valle di Bardonecchia. Poco prima di arrivare in cresta si lascia a sinistra la diramazione per Pourachet, e con un ultimo breve tratto si raggiunge la cappella della Madonna del Cotolivier (m.2105).
Discesa lungo il percorso di salita.


Nessun commento:

Posta un commento